Da Venezia a Monaco in Ciclopista del Brenta e del Sole

2009-07-11T15:59:11+00:00 11 luglio 2009|Mobilità e sviluppo sostenibile|

Da Venezia a Monaco lungo le antiche vie romane.
Parte sabato 11 luglio il cicloviaggio lungo 600 Km.

Seicento chilometri da percorrere in sette tappe in sella alla bici. E’ questa l’impresa che porterà la FIAB-Amici della Bicicletta di Mestre a collegare cicloturisticamente Venezia a Monaco di Baviera, capitale europea della ciclomobilità con più di mille chilometri di piste ciclabili.
La carovana di bici, che sarà accompagnata da un furgone per l’assistenza in caso di necessità, partirà da Venezia sabato 11 luglio alle 8.30 da piazzale Roma, e raggiungerà Monaco venerdì 17 luglio. La rappresentanza veneta sarà composta da 60 persone ma si arricchirà di altri compagni di viaggio di Trento, soci della locale associazione FIAB, quando i ciclisti veneziani raggiungeranno il capoluogo trentino.
La prima tappa attraverserà alcuni degli ambienti più interessanti del territorio circostante come il Parco del Sile, il tratto recuperato dell’ex ferrovia Treviso-Ostiglia, la Rotonda di Badoere, il borgo di Asolo e la città di Bassano.
La seconda, fino a Caldonazzo, percorrerà gli 80 km della splendida “Ciclopista del Brenta” in Valsugana, dotata ormai di tutti i comfort necessari: completata nel 2005 con il tratto fra Primolano e Forte Tombion, attrezzata di ben tre Bicigrill a Tezze, Novaledo e Levico e servita, nei mesi estivi, da 15 Minuetto con carrozza portabici.
A Caldonazzo, a cena, il gruppo incontrerà alcuni sindaci della Valsugana per uno scambio di saluti e per ribadire le potenzialità del cicloescursionismo in termini occupazionali e di sviluppo sostenibile. A Trento, a palazzo Geremia, è previsto un rinfresco ed un incontro con il sindaco Andreatta e con dirigenti di Trenitalia e assessorato trasporti della PAT, responsabili del servizio Treno+Bici.
Il viaggio unirà l’aspetto sportivo e turistico, di fratellanza e gemellaggio con gli amici tedeschi dell’ADFC (Allgemeiner Deutscher Fahrrad Club, quelli della “Monaco-Cesenatico”), il confronto con gli amministratori locali ma soprattutto servirà per collaudare con un unico itinerario, che ricalca un lungo tratto dell’antica Via Claudia Augusta, le numerose piste ciclabili extraurbane presenti nel territorio a cominciare dalla “Ciclopista del Brenta”, passando per la “Ciclopista del Sole” fra Trento e il Brennero, fino alla bavarica “Tirolense” del territorio tedesco.
“L’iniziativa – dichiara il presidente della FIAB di Mestre, Biagio D’Urso – punta a dimostrare come la bicicletta sia un mezzo di trasporto importante anche per le lunghe distanze, naturalmente se accompagnata dalle relative infrastrutture. A Monaco incontreremo gli amministratori locali e consegneremo loro una targa che l’assessore alla mobilità Enrico Mingardi ci ha donato per unire Venezia a Monaco”
Lello Sforza
Ufficio Stampa FIAB onlus
stampa@fiab-onlus.it

About the Author: