Cari Assessori, vi scriviamo…

Dopo la lettera di inizio anno,  abbiamo scritto nuovamente una lettera ad Aldo Pompermaier e Andrea Rudari   rispettivamente assessori all’ambiente e ai lavori pubblici, e a Giuliano Stelzer, dirigente del Servizio Mobilità, per conoscere lo stato dell’arte dei lavori in corso e fare il punto della situazione.

Attendiamo fiduciosi una risposta, di cui riferiremo puntualmente.

Gentili Assessori,
Gentile Dirigente,

con la presente desideriamo riprendere il filo della comunicazione sui temi della ciclabilità che ci stanno molto a cuore e sui quali abbiamo già discusso più volte.
In particolare ci piacerebbe capire quali sono le ragioni ostative che non hanno ancora permesso di portare a termine progetti che ci risultava fossero già finanziati ed operativi quali:

  • ciclabile di viale Verona (manca ancora una buona parte di colore e molto passaggi sono stretti e pericolosi)
  • parcheggi custoditi in stazione e in Port’Aquila
  • piano sosta nella zona ZTL e fuori (mappatura di quello che c’è e di dove mancano, sistemazione delle rastrelliere negli spazi pubblici, incentivi per privati che le collocano nei propri spazi)

Siamo inoltre curiosi di conoscere l’esito della sperimentazione della riduzione dei tempi di attesa dei semafori a chiamata per ciclisti e pedoni (a noi sembra che il semaforo di via Alfieri, via Torre Vanga funzioni perfettamente. Ci piacerebbe che lo stesso potesse accadere anche in via Ambrosi e in via Brennero).

Ci piacerebbe anche sapere se è stato possibile mettere mano ad alcuni dei punti critici evidenziati durante la critical mass del settembre scorso (mancanza di pista ciclabile in piazza Venezia, pericolosità di via Grazioli, mancanza totale di ciclabili in zona Bolghera, scalini rovina bici sulla ciclabile di via Degasperi e ponte s.Barbara, lentezza semaforo via Ambrosi e via Brennero, non completa liberalizzazione del doppio senso di marcia in ZTL). E se no, perchè.

Infine vorremmo sapere a che punto è arrivata l’elaborazione del PUM e come sono state recepite le nostre proposte fatte in occasione dell’incontro pubblico del 12 marzo u.s. e successivamente inviate via mail.
Non siamo infatti riusciti a trovare nel sito del Comune gli aggiornamenti sullo stato di elaborazione del PUM stesso.

In attesa di una risposta che ci auguriamo sollecita ed esauriente, con cordiali saluti.

Manuela Demattè
a nome di Trentoinbici.it

About the Author: