Cosa non va… nella pista ciclabile dalla Clarina al centro

2007-03-07T08:05:21+00:00 7 marzo 2007|Ciclabili davvero ciclabili!|
  • v.Degasperi: scoraggiare le inversioni a U che invadono la pista sfruttando lo slargo Az. Sanitaria presso Del Favero; dotare di specchi che segnalino alle auto il passaggio dei ciclisti le 2 uscite da concessionaria Pastorello
  • attraversamento ciclabile di v.Clarina: manca il colore rosso
  • due attraversamenti ciclabili di v.Frank e Ghandi: manca il colore rosso e la segnaletica verticale è contraddittoria
  • v.Gramsci: c’è una pista di 100 mt scollegata da tutto; l’incrocio con v.Einaudi e v.Clarina è pericoloso
  • ponte s.Barbara: bisogna segnalare meglio la continuazione della pista verso v.Fersina e verso Ghiaie e Lungadige; manca il colore rosso sull’attraversamento ciclabile e sulla pista verso le Ghiaie
  • ciclabile giardini Fersina: all’ingresso sud manca il segnale blu di pista; all’uscita sul ponte Cavalleggeri manca l’attraversamento ciclabile a fianco di quello pedonale
  • v.Mazzini e v.S.Vigilio: non penalizzare le bici ma segnalare loro la necessità di convivere con la massa critica dei pedoni
  • v.Esterle: in attesa della pista, creare un doppio senso per le bici, segnalando il pericolo alle auto provenienti da v.Prati (come in fondo a v.Belenzani)

About the Author: